La stufa ad accumulo della fattoria dell’autosufficienza

Scalda anche da spenta” è uno tra i primi commenti ricevuti a costruzione finita.

L’iconica stufa ad accumulo progettata e realizzata a mano da Filo di Fuoco si inserisce nel salone del ristorante della Fattoria dell’Autosufficienza.

Colpisce subito l’inconsueta forma doppia fiamma voluta espressamente come simbolo rappresentativo del fuoco o dell’acqua e connotativo della Fattoria dell’Autosufficienza.

Chiamata anche “La Fiamma” o la “Goccia” è localizzata nel grande salone polifunzionale del ristorante ed ha riscosso da subito  un enorme successo divenendo punto di attrazione, riferimento ed aggregazione attorno alla quale si svolgono incontri, momenti didattici e conviviali all’interno delle molteplici attività della Fattoria dell’Autosufficienza.

Nel progettare la stufa è stata spesa molta attenzione nel difficile compito di rendere percettivamente leggera e morbida questa grande stufa di oltre 3000 kg complessivi di peso.

La fiamma più alta di 3,4 metri è rifinita  con un intonaco in calce e marmo, la fiamma più piccola in terra cruda, mentre la panca in terra cruda e canapa.

Accostata in contrapposizione all’unico muro in sasso a vista del salone, si distingue subito per il  contrasto tra le sue curve luminose e morbide  e il sasso a vista rigido e grezzo.

Gli intonaci sulla parete in sasso ai  lati della stufa sono stati realizzati con lo stesso materiale di argilla seguendo la linea curva del profilo della stufa come un’onda riflessa sulla parete.

Un eco che si riflette anche a pavimento nella particolare soglia parascintille  in pietra serena.

© FILO DI FUOCO 2015

Posizione

Bagno di Romagna FC

Periodo

2015

Contesto Edilizio

ristrutturazione casale in pietra della Fattoria dell’Autosufficienza

Tipologia Stufa

1 piano con panca e legnaia

Galleria